Iver R. Tarp

– Perché la leadership riguarda l’Happy Management – la soddisfazione lavorativa. Dei capi in gamba riescono a creare soddisfazione lavorativa per se stessi e per i loro dipendenti.

La domanda è se la tua organizzazione è pronta a prendere sul serio la soddisfazione lavorativa. A celebrare e compensare i capi che creano energia positiva, impegno e soddisfazione lavorativa.

La soddisfazione lavorativa è un buon affare

La soddisfazione lavorativa non significa solo divertimento – significa anche buoni affari. Molti capi non mettono in primo piano il risultato positivo che la soddisfazione lavorativa genera. – Ma quelli che lo fanno creano risultati eccellenti.

Non si tratta solo di priorizzare la soddisfazione lavorativa per idealismo e per il bene dei dipendenti. Si tratta della sinergia positiva che nasce dalla soddisfazione lavorativa.

Dei dipendenti contenti sono più produttivi, innovativi e orientati a un buon servizio. Si ammalano anche meno spesso e rimangono più a lungo nella azienda.

La via verso un successo sostenibile

Troppe aziende tollerano e compensano capi incapaci. Semco, un’azienda di San Paolo in Brasile fa il contrario. Due volte all’anno tutti i 3000 dipendenti di Semco valutano i loro supervisori immediati ed ogni supervisore riceve un punteggio da 0 a 100 che viene reso noto in tutta l’azienda.

Risultato: i capi incapaci vengono identificati e invitati a migliorare.

Se la tua organizzazione desidera raggiungere un successo sostenibile in un mondo caratterizzato da un’economia insicura e da richieste estremamente alte di efficienza e innovazione non c’è altro da fare:

I capi devono gestire con soddisfazione!

– Iver Tarp, Direttore Contea Assurance A/S e presidente di Capi Contenti.